Approvata l’Agenda Digitale

Il Decreto Sviluppo è diventato legge e con esso la celeberrima Agenda Digitale.

Quali sono le misure approvate?

Si parla soprattutto di digitalizzazione del paese e startup.

In realtà a quanto pare quella che è stata approvata è una versione lievemente diversa da quella originaria: variazioni nella parte relativa all’editoria scolastica digitale, con lo slittamento di un anno per l’adozione obbligatoria dei libri in versione digitale o mista.

Non si farà nulla invece in merito all’accordo tra la Rai e il ministero dello Sviluppo per promuovere l’alfabetizzazione informatica, l’apertura del registro delle caselle di posta elettronica certificata ai cittadini e le agevolazioni per chi investe nelle reti di nuova generazione. Nessun riferimento al commercio elettronico e alle città intelligenti.

Sostegno alle start up: interventi da parte del Governo

Il Ministro dello Sviluppo Economico Corrado Passera ha reso noto il documento, dal titolo Restart Italia, che contiene l’elenco degli interventi più urgenti per agevolare la nascita e lo sviluppo di nuove imprese.

Tra le proposte, c’è la costituzione della iSrl, società che può essere aperta con un solo euro di capitale, con attività direttamente e solamente. Il documento contiene anche la notizia dell’abbattimento di oneri fiscali e burocratici e l’adozione del cosiddetto “statuto zero”, riservato alle aziende al di sotto dei 4 anni.

Numerose anche le proposte per reperire ed organizzare fondi per le nuove imprese, oltre a tutto ciò che riguarda incubatori ed acceleratori per il loro sostegno.